Saccharum officinarum

Inglese : Sugarcane
Hindi : Mishri
Italiano : Canna da zucchero

La canna da zucchero è una pianta tropicale che ha bisogno di un clima umido e caldo. E’ coltivata in America centrale e meridionale ed in Asia. E’ una pianta simile alla canna comune. Lo zucchero si accumula nella polpa bianca che riempie il fusto. Si moltiplica per talee, cioè si prendono dei pezzi di canna, le talee, e vengono messi in terra dove mettono le radici e spunta un germoglio. Le foglie sono molto lunghe, lineari. Il fusto principale è un rizoma sotterraneo dal quale partono piu’ fusti aerei, cilindrici, nodosi e flessibili, alti fino a 3 o 6 metri, con diametro di 2 o 7 cm. Dopo 18 mesi il fusto viene tagliato, ricresce e viene tagliato l’anno successivo. Alla fine bisognerà piantare delle nuove talee.Le canne vengono schiacciate dalle macine per far uscire il succo, un succo scuro, pieno di impurità che viene raccolto in vasche: le vasche vengono riscaldate perchè l’acqua evapori e il succo si trasforma in sciroppo o melassa, che viene gradualmente raffinato. A questo punto i cristalli di zucchero si formano da soli, così come si formano i cristalli di sale in una pozza d’acqua marina che si asciuga sole.La canna da zucchero può servire da alimento immediato, spremendo fortemente la canna ed estraendone il succo. Il succo verrà bevuto fresco o utilizzato come dolcificante. Dalla torchiatura della canna rimangono dei residui legnosi che vengono utilizzati per produrre carta e combustibile. Dalla canna si produce anche il rum. Inoltre il succo della canna da zucchero e il decotto della polpa possiedono proprietà benefiche per l’apparato respiratorio, tonificanti e rinfrescanti. Consigliato per chi soffre di catarro bronchiale, di bronchite cronica e di asma.